Giorno: 28 Novembre 2019

Senza categoria

Prof. Modena: Nuovo “esame” In Ateneo

di Carlo Gregori «Prendiamo atto delle decisioni della magistratura e ribadiamo la massima fiducia nel loro operato. Siamo in attesa di conoscere le motivazioni della sentenza e poi vedremo di prendere i provvedimenti del caso». Quanto alla condanna a cinque anni di interdizione dai pubblici uffici e quindi dalla docenza universitaria, «anche in questo caso valuteremo in ambito di Consiglio di amministrazione e degli organi collegiali». Infine la volontà di non costituirsi parte civile dell’ ateneo di Modena e Reggio cambierà alla luce della condanna? «Valuteremo a seconda della prosecuzione dei processi e sicuramente sarà oggetto di discussione all’ interno degli organi collegiali». Questa la posizione del rettore Angelo Andrisano – a margine della conferenza di presentazione Ragno d’ Oro – sulla condanna della professoressa Maria Grazia Modena a quattro anni di carcere e alle sue interdizioni e sul rinvio a giudizio di 43 persone fisiche e aziende decisa dal gup Andrea Romito per il caso Cardiologia. Il rettore, insomma, ancora una volta non si sbilancia dopo aver preso una posizione iniziale a favore della collega reintegrandola nell’ insegnamento annullando così la sospensione cautelare decisa dall’ ex rettore Aldo Tomasi, e dopo la decisione di non voler costituire l’ Università come parte civile (unica istituzione assente). Se per ora la prof. Modena non rischia nessun provvedimento, dato che la sentenza del processo con rito abbreviato non è esecutiva (si ricorrerà sicuramente in appello), l’ Università non sente l’ urgenza di prendere una posizione immediata per cautelarsi ma mette in calendario, in un futuro non determinato, discussioni sull’ argomento che potrebbero preludere a una revisione della posizione. Anche se sono passati più di due anni, in questa vicenda resta aperta la questione dei pazienti in cura alla Cardiologia dal 2009 al 2012, assistiti dallo staff della Modena, un aspetto finora poco …
Giorgietta on